Avventura,  News

Castelluccio, i fiori, il terremoto e la Mtb…

Rider – Cristian di Giuli – luglio 2020

Fino qualche anno fa due cose contraddistinguevano Castelluccio di Norcia in un posto unico al Mondo… La fioritura del Pian Grande e il suo centro storico arroccato …

Purtroppo, da qualche anno non è più così. Il terremoto del 2016 ha spazzato via completamente quello che era un quadro perfetto e oggi, a 4 anni di distanza poco o nulla è cambiato. I prati fioriscono come sempre, la natura va avanti, l’uomo no.

Abbiamo sfruttato due giornate di relax per un paio di giri in Mtb immersi nel parco nazionale dei Monti Sibillini. Nulla di estremo o troppo lungo, se no che relax è? Un paio di giornata con circa 60 chilometri macinati in Mountain Bike e qualche decina a piedi passeggiando per gli sterminati sentieri del Parco.


Come quasi la totalità dei turisti qua, ci arriviamo in camper e come tutti i biker che arrivano per la prima volta saliamo subito a Poggio di Croce a 1.800 metri di quota (avete presente tutte le foto di Castelluccio alle spalle) Ecco…


La vista è a 360 gradi, anche se poco dietro a noi, svettano gli oltre 2.000 metri del Monte Vettore, che quella maledetta mattina di qualche hanno fa, ha deciso di cambiare il destino di questa terra per sempre. Il giro non viene molto lungo, appena una ventina di chilometri, ma reduci dal viaggio e arrivati qui per rilassarci preferiamo non esagerare.

Se il primo giorno è stato dedicato alla salita, il secondo è stato completamente alla scoperta del Pian Grande con un giro itinerante di circa 40 chilometri per poi rientrare alla proprie case nel pomeriggio.

Se amate le foto panoramiche e la natura, Questa è la zona che fa per voi. Purtroppo il periodo della fioritura, la principale attrazione turistica della zona, risulta molto trafficata, ma il bello della Mtb è che quello che succede sulla strada non è mai stato un nostro problema…

Link utili: https://www.castellucciodinorcia.it/

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.